ricomincio-da-capo.jpg
Phil Connors, scorbutico meteorologo di Pittsburgh inviato in uno sperduto paesino di montagna a fare un servizio tv su una stupida sagra di cui poco gli importa, rimane intrappolato senza via d’uscita sempre nello stesso giorno, il 2 febbraio.
La più bella commedia degli anni ’90 (e non solo) parte con uno spunto di geniale semplicità: cosa fareste se foste consapevoli di vivere l’ultimo giorno della vostra vita? E inoltre, come vi comportereste se sapeste di essere costretti a rivivere all’infinito sempre lo stesso giorno? Da qui in poi è tutta discesa: basta reinterpretare le migliaia di situazioni possibili (andare a letto con una donna, imparare a suonare il piano, diventare una persona migliore) non necessariamente sempre in chiave comica, visto che nella seconda parte si toccano argomenti tutt’altro che leggeri: l’inevitabilità della morte, ad esempio. Molto originale (a partire dall’improbabile ambientazione) e ricchissimo di invenzioni che sono state saccheggiate nei quindici anni successivi, è in definitiva l’idea più brillante degli ultimi vent’anni di commedie americane (insieme al tunnel che porta alla testa di John Malkovich). In particolare, per come è strutturata, la sceneggiatura è di linearità esemplare, e bene hanno fatto Ramis e Danny Rubin a non cercare un’impossibile spiegazione di tutto il fenomeno. Andrebbe fatto imparare a memoria a un sacco di gente, a iniziare dagli autori delle idiotissime sit-com televisive per finire con i milioni di beoti che ogni Natale affollano i cinema italiani al grido di “famose du’ risate”.

Voto: 8-

Trivia
(Durante le riprese, Bill Murray fu morso per due volte dalla marmotta Scooter)
(Ramis e Rubin furono ispirati dalla storia, raccontata da Nietzsche nella “Gaia scienza”, di un uomo costretto a rivivere sempre lo stesso giorno. Secondo altri, invece, la fonte d’ispirazione del film è stato il romanzo di P.D. Ouspensky “The Strange Life of Ivan Osokin”)
(Anche se il film è stato girato a Woodstock, in Illinois, la città di Punxsatawney esiste davvero, e si trova in Pennsylvania. Bill Murray e Harold Ramis sono stati nominati cittadini onorari)
(Una delle prime versioni della sceneggiatura spiegava la causa di tutto: una ex-fiamma di Phil gli aveva fatto un maleficio per dargli una lezione; in un’altra versione, Phil è già intrappolato nel suo Giorno della Marmotta all’inizio della storia)

Advertisements