toro-scatenato.jpg
Ascesa e caduta di Jake La Motta, pugile italo-americano che dal Bronx arrivò al titolo mondiale dei pesi medi, prima di conoscere il declino e l’infamia del carcere.
Tra i quattro grandi attori che negli anni ’70 rivoluzionarono la settima arte americana e mondiale, a Robert De Niro toccarono i ruoli più ingrati e difficili, i personaggi più modesti e antieroici: né l’importanza generazionale di un Benjamin Braddock, né la perturbante autorevolezza di un Michael Corleone, né la grandezza luciferina di un Jack Torrance; eppure quello di Jake La Motta, vitreo e istupidito, che chiede ripetutamente a suo fratello “Tu ti scopi mia moglie?” è uno degli sguardi simbolo del cinema del Novecento. Costruito attorno a De Niro e alla sua prova titanica, “Toro scatenato” non sfugge in fondo ai classici difetti dei film biografici: tra un aneddoto didascalico e un combattimento superfluo si perde in qualche lungaggine, ma non si può negarne l’ampio respiro epico che lo pervade, a partire dai bellissimi titoli di testa (con in sottofondo l’Intermezzo della Cavalleria Rusticana di Mascagni). Si parla ovviamente di epica scorsesiana, quella che illumina il mondo dal basso scegliendo come punto di vista squilibrati, disperati e poveracci; il regista rimane coerente con i suoi temi preferiti mostrando ancora una volta il ritratto di un uomo, una società violente. Joe Pesci fu una rivelazione. Straordinarie le scene sul ring, tra cui spicca la sequenza del match mondiale La Motta-Cerdan, aperto dal celeberrimo piano-sequenza di La Motta che parte dagli spogliatoi e arriva fin dentro al ring.

Voto: 7,5

Trivia
(Nella sceneggiatura originale Paul Schrader aveva inserito numerosi momenti “forti”, come una scena in cui Jake La Motta si masturba, che fu poi sostituita con quella in cui La Motta raffredda i propri bollenti spiriti con del ghiaccio)
(Robert De Niro e Joe Pesci si picchiarono realmente nella famosa scena in cui Jake chiede a Joey di colpirlo in faccia)
(Per ricreare il rumore dei pugni, furono utilizzati meloni e pomodori; per i flash vennero usati dei colpi di pistola)
(Per sottolineare la crescente disperazione di Jake e il suo declino, l’ultimo match con Robinson fu girato in un ring più grande)
(De Niro aumentò di circa 30 chili per interpretare il ruolo di Jake; il record fu battuto sette anni dopo da Vincent D’Onofrio, che ne guadagnò circa 35 per interpretare “Palla di Lardo” in “Full Metal Jacket”)
(Nella scena finale, l’uomo che entra in camerino per chiamare Jake è Martin Scorsese)
(Ci vollero sei settimane per girare tutte le scene di boxe presenti nel film)
(Debutto, non accreditato, di John Turturro, uno degli uomini seduti al tavolo alla Webster Hall)
(Tra le attrici provinate per il ruolo di Vickie, anche Beverly D’Angelo e Sharon Stone)