stregata-dalla-luna.jpg
New York. Loretta Castorini, vedova non più giovanissima, accetta la proposta di matrimonio di Johnny Cammarieri; poi lui parte per Palermo per assistere la madre moribonda, e le chiede di convincere a venire al matrimonio anche il fratello Ronny, con cui non si parla da anni.
Divertente commedia al chiaro di luna di un bravo regista di solido mestiere, con più di un riferimento all’opera del XVIII e XIX secolo, specialmente nel finale che riunisce sul “palco” tutti i personaggi principali. In un’atmosfera magica e sognante, il film ha tutti gli elementi per piacere: una furba colonna sonora jazz italiana (spicca, sui titoli di testa e di coda, l’arcinota “That’s amore” di Dean Martin), dialoghi spigliati, attori in parte. Due Oscar per Cher e Olympia Dukakis, come attrice protagonista e non protagonista; terzo Oscar per la sceneggiatura di John Patrick Shanley.

Voto: 7-

Trivia
(In origine il ruolo della protagonista sarebbe dovuto andare a Sally Field)
(Solo 15 anni di differenza tra Olympia Dukakis e Cher, madre e figlia sullo schermo

Annunci