miami-vice.jpg
Sonny Crockett e Rico Tubbs, detective speciali dell’FBI di Miami sotto copertura, si mettono sulle tracce di un boss colombiano del narcotraffico.
E’ ormai universalmente noto che questo “Miami Vice” non ha nulla a che spartire con l’omonima serie tv, della quale Michael Mann è stato produttore ed anche regista. Gli eroi sono invecchiati: un’atmosfera lividamente notturna ha preso il posto dell’estetica modaiola e pre-videoclippara anni ’80, portandosi accanto la composta e dolorosa consapevolezza di chi ha realizzato di avere la vita segnata per sempre da un mestiere d’inferno. Anche se i loro simulacri sono ancora giovani, forti e ipervitaminici, Sonny e Rico portano addosso i segni dei vent’anni trascorsi e sono gli ideali padri di Don Johnson e Philip Michael Thomas; non è più tempo di ridere e di scherzare, domina il disincanto. Mann si conferma un maestro delle scene d’azione e del montaggio e un fotografo senza pari dei paesaggi illuminati dalle luci artificiali; prosegue la sua sperimentazione del digitale (già avviata in “Collateral”; continuiamo a rimanere perplessi), ma si è dimenticato nel frattempo di dare un’anima ai corpi scolpiti e muscolosi dei due protagonisti, nella cui anaffettività – ostentata persino nelle patinate scene d’amore – vive e muore questo “Miami Vice”. La storia è un garbuglio poco districabile e non rappresenta ovviamente il centro d’interesse di un film anche troppo dimesso, dove l’understatement di Colin Farrell e Jamie Foxx si fa glamour insieme alle loro camicie. Tra un bagliore e l’altro, l’unico momento prolungato di grande cinema è il primo viaggio in motoscafo tra Sonny e Isabella, brulicante di sottinteso erotismo in mezzo ad un accecante blu da rimanere asfissiati. Troppo poco.

Voto: 6

Trivia
(Il motoscafo con cui Sonny e Isabella arrivano all’Avana si chiama realmente “Mojo”, e costa 499 mila dollari)
(Appena prima della sparatoria finale, si sentono le note di “In the air tonight” dei Nonpoint. La versione originale di Phil Collins veniva spesso usata nella serie tv)

Advertisements