the-spirit1
Di notte un supereroe veglia sugli abitanti di Central City: è The Spirit (alter ego dell’ex poliziotto Denny Colt), dotato di una prodigiosa e inspiegabile velocità di guarigione dalle ferite, che combatte il crimine e su tutti il suo acerrimo nemico Octopus. Nella sua vita fa però improvviso ritorno Sand Saref, il suo primo amore, diventata nel frattempo una ladra di gioielli e determinata a impadronirsi di un vaso contenente il segreto dell’immortalità.
Esordio alla regia (a 51 anni) dell’eccelso fumettista Frank Miller, che fino ad ora si era limitato a benedire ed eventualmente sceneggiare un paio di film tratti dalle sue opere (il discreto “Sin City” di Robert Rodriguez, del quale sono già in lavorazione il secondo e il terzo capitolo, e il deleterio “300” di Zack Snyder); segue un rapido excursus per ricordare ai pochi rimasti che “The Spirit” non è una creazione di Miller ma del suo maestro e mentore Will Eisner, ispiratore anche di Welles e Friedkin. Come già avrete intuito, una recensione di questo film non può dunque sfuggire al riflesso pavloviano di paragonarlo ai suoi predecessori, e in particolare a “Sin City”: quelli che erano i punti di forza del film di Rodriguez (lo strepitoso utilizzo della fotografia e del colore e più in generale l’impressionante fedeltà delle immagini cinematografiche al fumetto originale) sono giocoforza notevolmente indeboliti; venendo a mancare l’effetto-sorpresa dell’innovativa messa in scena, Miller ha intelligentemente lavorato di scalpello affinando la sceneggiatura, rendendola più brillante e ironica (anche verso se stessa e il genere che rappresenta: la frase con cui il nostro eroe si presenta alla giornalista, “Sono Spirit e prendo a schiaffi i cattivi”, riassume un po’ la filosofia del film), con momenti di vivace grotesque (il criminale manifesto programmatico che la coppia Octopus-Silken Floss illustra a Spirit con l’improvvisa “Deutschland uber alles” in sottofondo) che squarciano di tanto in tanto le arie noir e danno vita a momenti di piacevole straniamento. Per il resto, non c’è molto da fare i sofisticati: “The Spirit” esce a Natale in tutto il mondo e un motivo ci sarà, e persegue con coscienza il proprio destino di popcorn-movie senza andare a cercarsi svolazzi autoriali; l’unica civetteria che si concede è riferirsi a Ercole chiamandolo col nome greco Eracle. Il personaggio principale vorrebbe tanto avere una complessità chandleriana ma, anche per colpa del suo interprete Gabriel Macht, fallisce l’obiettivo ritrovandosi psicologicamente più dalle parti di un Iron Man (quello di Downey jr.); Eva Mendes e Scarlett Johansson tentano con un certo successo di schivare il ruolo della tappezzeria con due interpretazioni non prive di brio; nel ruolo del folle coroner nazistoide Samuel L. Jackson dà l’idea di essersi divertito un sacco.

(pubblicato su www.doppioschermo.it)

Voto: 6+

Advertisements